Martedì, 09 Maggio 2006 00:00

Proprio così: fermare la mente, fermare i pensieri.

Scritto da  ManagaerZen
Vota questo articolo
(0 Voti)
Secondo aspetto: siamo portati a collocare la meditazione nell'ambito della spiritualità.

Questo non è affatto sbagliato, ma può limitarne l'utilizzo: in quanto manager non siamo chiamati a percorrere una via spirituale.
In questo contesto ci interessa piuttosto considerare la meditazione come una tecnica, uno strumento a disposizione di tutti, che può essere di enorme vantaggio proprio a chi ha necessità di prendere spesso decisioni importanti e deve risolvere ogni giorno una quantità di problemi e situazioni: chi più dei manager e degli uomini d'azienda?

Non vi proponiamo pertanto una trattazione completa del tema, davvero vastissimo, della meditazione, ma tenteremo di mettere in rilievo quegli aspetti della meditazione che più interessano al manager.

Ogni giorno sul lavoro la nostra mente assorbe una quantità enorme di input: la testa elabora gli input sottoforma di pensieri che si sommano e si affollano durante tutto l'arco della giornata. Spesso anche la sera.. "non riusciamo a staccare la spina". Si può generare ansia, stress fino all'insonnia, quando ci si rigira tra le lenzuola con i pensieri impazziti per la testa. In altre parole perdiamo calma e serenità. Ma non è tutto.

Immaginate i pensieri come nuvole leggere: se sono pochi e scorrono leggeri, lasciano intravedere il cielo sereno, ma se si infittiscono possono trasformarsi in nubi spesse, in nebbia che impedisce la visuale.

Come è possibile prendere decisioni corrette quando la mente è annebbiata e la visuale impedita? Cosa occorre al manager per dirigere? Occorre la CALMA che genera fiducia e la CHIAREZZA che consente di vedere la direzione da seguire. E come si ottengono (e mantengono) questi preziosi attributi .. ? Semplicemente diradando le nuvole .. ecco allora la grande importanza della meditazione.

Meditare può essere la cosa più banale del mondo: basta NON FARE, non pensare, fermarsi.. non servono attrezzature di alcun genere, non costa nulla. Basta "decidere" di sedersi per NON FARE E NON PENSARE A NULLA. Facile eh ?

In realtà, non è così facile prendere questa decisione, specialmente per noi occidentali e tanto meno per i manager superattivi. Anche quando crediamo di non far nulla, in realtà intendiamo "non fare nulla di produttivo" in senso stretto... ma mastichiamo un chewingum, guardiamo la TV, leggiamo un libro, fumiamo una sigaretta, sfogliamo una rivista.. e nel migliore dei casi, ci guardiamo un bel film della nostra mente, giocherellando con le dita.

Per aiutarci ad entrare in questo spazio di vuoto di nulla, ad entrare dentro di noi nello stato di meditazione, sono state inventate tantissime "tecniche": tutte utilizzano la concentrazione sul respiro.. ma ognuna ha i suoi riti e le sue regole.

Meditazione trascendentale, meditazione zen o zazen, meditazione dinamica come il Tai-chi, meditazione buddista, training autogeno, yoga, ... Sta ad ognuno di noi individuare la tenica più adatta alla propria personalità, alle proprie esigenze. Possiamo essere aiutati dalla musica, dal gruppo, dall'odore degli incensi.. da un luogo tranquillo e protetto in cui ci sentiamo "a casa".

Immaginate ora di praticare mezz'ora di meditazione e di andare a dormire "ripuliti", leggeri, freschi e rigenerati: con la testa libera il vostro sonno sarà di una qualità molto diversa e al risveglio sarete riposati e pieni di energia !

Con la testa libera troverete senza difficoltà le soluzioni e le risposte: c'erano anche prima, ma la nebbia impediva semplicemente di vederle.

Obiettivi chiari, direzione calma e serenità: questa è la vera grande forza del Manager... Zen!


Naturalmente abbiamo fornito una interpretazione molto semplificata, quasi "semplicistica" della meditazione: ripulire i pensieri conduce verso il proprio essere, verso l'essenza, priva di giudizio e di interpretazione .. verso la consapevolezza.. e la consapevolezza, non l'intelligenza ciò che distingue gli uomini dagli animali.
Letto 5501 volte Ultima modifica il Venerdì, 13 Aprile 2012 15:39